C’è un tizio che si chiama Simone e fa il cantante. Alcuni (quelli che si limitano a ricopiare i comunicati stampa della sua label, suppongo) lo accreditano come "il nuovo Vasco Rossi" (anvedi). Bene, venerdì sera, mentre gironzolavo per una festa dell’unità al fine di digerire il tris di minestre, mi sono trovato il suddetto … Continua a leggere

Hanno demolito il cinema Apollo. Tabula rasa. Hanno demolito il cinema dove potevi abbonarti a 8 film (e che film) per 8000 lire (1000 lire cadauno: nel 1992, non nel neolitico). Dove l’intervallo durava mezz’ora per permettere al pubblico di consumare le pizzette e i bomboloni caldi portati dal fornaio all’angolo. Dove il pavimento dell’atrio … Continua a leggere

"Ho preso la patente a 23 anni e quand’è scaduta nel ’67 non l’ho più rinnovata perchè non volevo starmene in fila ad aspettare che un tizio con un QI di meno 15 giudicasse il mio test". (Frank Zappa)

Mi viene detto che sono di nicchia, il che risponde abbastanza al vero. Vorrei però sfatare alcuni luoghi comuni: chi pensa alla nicchia, per assonanza ed effettiva parentela etimologica con il verbo rannicchiarsi, pensa ad un luogo angusto e scomodo. In realtà le nicchie sono ambienti piccoli ma accoglienti ed intimi. E’ il loro punto … Continua a leggere

alcune tv locali dell’emilia paranoica diffondono quotidianamente una  trasmissione intitolata "Liscio come l’olio", dedicata perlappunto al ballo liscio. La conduce un pacioso signore sulla cinquantina, che tra un videoclip e l’altro (tutti ipertrash, lo dico per gli amanti del genere) snocciola dediche e richieste e programmazione delle balere del circondario. A cavallo dell’ora di pranzo, … Continua a leggere