Imbeccato dal Beneforti, ho fatto il seguente test e questo è il risultato. Ora ho capito perchè il mio amico Mauri mi chiama Piter. (Notare l’ex aequo con Hulk. Evidentemente la circonferenza toracica è stata dirimente.)
Your results:
You are Spider-Man

Spider-Man
70%
Hulk
70%
Robin
60%
Supergirl
60%
Green Lantern
60%
Superman
55%
Wonder Woman
50%
The Flash
50%
Batman
45%
Catwoman
30%
Iron Man
30%
You are intelligent, witty,
a bit geeky and have great
power and responsibility.

Click here to take the "Which Superhero am I?" quiz…

"Non potrò mai diventare direttore generale delle poste o delle ferrovie
non potrò mai far carriera nel giornale della sera, anche perchè finirei in galera"

(A 15 anni era la mia canzone preferita, ma non sapevo il perchè. Ora sto cominciando a capirlo.)

Dice il pagliaccio, tra le tante fregnacce: "non ho potuto realizzare il programma perchè ho avuto problemi con gli alleati". E’ quindi da supporre che in caso di riconferma cercherà di assegnare i dicasteri a persone di sua fiducia. Non è quindi totalmente implausibile una squadra di governo del genere:

Interni: Guido Bertolaso
Esteri: Maurizio Scelli
Difesa: Cesare Previti
Finanze: Giampiero Fiorani
Grazia e Giustizia: Carlo Taormina
Infrastrutture: Stefano Ricucci
Comunicazioni: Fedele Confalonieri
Istruzione: Rocco Buttiglione (ma la Moratti potrebbe essere riconfermata)
Salute: Roberto Formigoni (oppure Salvatore Cuffaro)
Mezzogiorno: Salvatore Dell’Utri
Commercio con l’estero: Delfo Zorzi

Quest’anno sara’ possibile devolvere il 5 per mille della propria dichiarazione dei redditi ad associazioni ed enti.

Il Comitato Piazza Carlo Giuliani e’ fra i possibili beneficiari del 5 per mille.
Una nuova norma infatti introduce il 5 per mille: si tratta di un contributo destinabile, per decisione del contribuente, ad associazioni di volontariato, Onlus (Organizzazioni non lucrative di utilita’ sociale), ricerca scientifica…

Questa scelta non cambia nulla per il contribuente, ne’ in aggiunta ne’ in sottrazione alla cifra "dovuta" al fisco, ma può cambiare molto per i processi in corso a Genova.

I comitati Piazza Carlo Giuliani e Verità e Giustizia per Genova chiedono di sostenere la segreteria legale impegnata nei processi in corso a Genova, anche in questa forma per chi compila il modello 730 o il modello Unico compilando la scheda per la destinazione del 5 per mille:

1. immettendo i propri dati anagrafici e il proprio codice fiscale
2. firmando nel riquadro indicato come "sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di
utilita’ sociale…" (il primo a sinistra dei quattro che si trovano nella dichiarazione)
3. indicando in quel riquadro il codice fiscale 950 752 501 00

I titolari di un solo reddito da lavoro dipendente o di una pensione che non devono presentare la dichiarazione dei redditi possono consegnare la scheda (come si fa anche per l’8 per mille) in busta chiusa ad un ufficio postale, a uno sportello bancario o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti ecc.).

I comitati Piazza Carlo Giuliani e Verità e Giustizia per Genova
http://www.piazzacarlogiuliani.org
http://www.veritagiustizia.it

Sergio Cofferati ha negato alla fiamma tricolore una piazza in cui tenere un comizio. Penso che non sarà un problema trovare una soluzione  alternativa:  la  rete fognaria di Bologna è oltremodo estesa.

Va detto: stavolta B. ha ragione. Esiste un accordo tra imprese e sinistra. Un accordo che abbraccia anche sindacati, giornali, parte della magistratura e molti altri ancora. Accordo pieno su un punto preciso: il suo governo ha fatto schifo. E deve andarsene a casa.

Copio e incollo da una mailing list:

Cari tutti, mi permetto di intervenire su staff per segnalare una questione  politica importante. Il diritto di voto all'estero è un falso. Solo alcune categorie godono di questo privilegio. Dunque anche questa è l'ennesima
 bufala dell'attuale governo. Come sapete mi trovo all'estero con un contratto ministeriale ( MAE) annuale. Non sono residente qui. Il diritto al voto è un privilegio riservato agli insegnanti di ruolo (anche se non residenti) alle ambasciate, ai carabinieri a tutti i militari. Noi supplenti, pur essendo qui per conto del governo italiano, non abbiamo tale diritto. Inoltre faccio presente che non si può votare per la propria circoscrizione, ma esclusivamente per un'unica circoscrizione riservata a tutte le sedi estere. Dei candidati si sa poco o nulla, né tanto meno si conoscono i programmi. Per avere il permesso per andare in Italia a votare, bisogna chiedere le ferie (ossia interruzione del contratto) e non ci sono agevolazioni: essendo l'Etiopia ad una distanza superiore ai mille Km, si ha diritto a un giorno per andare e uno per tornare. Ora ditemi chi si fa un viaggio di almeno una decina di ore (volo più eventuali treni) per raggiungere la propria sede, votare e ritornare il giorno dopo? Fate girare questa voce, magari con qualche articolo sui giornali.
 Un caro saluto
Adriana Torregrossa