E’ curioso. Io detesto (del tutto pregiudizialmente, non avendone mai incontrato uno) i pubblicitari. Però il blog più divertente che sto leggendo in questi giorni lo scrive qualcuno che fa proprio quel brutto mestiere. Mi toccherà concederle la grazia, quando prenderò il potere e decreterò il campo di rieducazione coatto per chi proviene da quel … Continua a leggere

Imparo solo ora che è morto Henghel Gualdi (ma sono invornito io o la notizia ha avuto pochissima eco?) Mi rimane il ricordo del suo clarinetto che zufola una magistrale Summertime sull’accompagnamento del coro delle Note Lunghe.