Successe addirittura che la sera di un sabato di Pasqua ci inerpicammo fino a Castelnovo ne’ Monti (RE) per vedere Giovanni Lindo Ferretti che leggeva i vangeli apocrifi in una chiesa sconsacrata. Arrivammo tardissimo e faceva un freddo cane. Il portone della chiesa si apriva verso l’interno e la calca all’interno era tale da permettere di aprire solo un piccolo spiraglio. Io, l’Annama’, la Monia e la Mauri riuscimmo a intrufolarci sistemandoci nell’unico buco rimasto, praticamente a cavalcioni di una stufetta che ci provocò ustioni di vari gradi; il Bebo tentò di introdurre anche la sua mole ma poco dopo gettò la spugna e tornò ad aspettarci in auto. Lindo lesse vari brani interessanti, in particolare ricordo la descrizione di un esame ginecologico condotto dalle donne del villaggio su Maria incinta per comprovare la sua verginità; non rammento attacchi di megafonite. Al termine, il pubblico che cercò di riversarsi fuori da quell’antro ormai ultrasurriscaldato scoprì che qualche buontempone di passaggio aveva chiuso dall’esterno il lucchetto del portone. Attimi di panico, poi qualcuno col cellulare riuscì a chiamare il possessore di una copia delle chiavi permettendoci di uscire. Lindo se ne andò in compagnia di una ragazzotta, nè brutta nè bella. Le nostre amiche la trovarono scandalosamente brutta. Non riuscimmo a persuaderle che, insomma, non è che lui fosse, ecco, un sex symbol. Anzi: ci trattarono da blasfemi. Eh, la gioventù.

Annunci

Un pensiero su “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...